Giocando con la cucina

image

Quando si è piccoli uno dei desideri più costanti è quello di diventare grandi e quando si è grandi si vorrebbe tornare piccoli anche solo per giocare un po’ senza pensieri. Fortunatamente ho la possibilità di catapultarmi nel mondo dei piccoli tutte le volte che voglio grazie alla mia piccolina e ai suoi tanti giochi. Da quando Babbo Natale ha fatto tappa nella nostra casetta il gioco preferito da noi donne è cucinare e tenere pulita la cucina. (altro…)

Natale 2014

IMG_0206

Il clima natalizio mi ha sempre emozionata, fin da quando ero bambina. Questo Natale sono tornata bambina e mi sono emozionata nel camminare per le strade di Roma ammirando le luci e gli addobbi. Bellissimo è stato vedere la meraviglia negli occhi della mia piccola mentre Babbo Natale le parlava, mentre con il mio aiuto scartava i regali per poi giocarci, mentre con la manina cercava di impugnare il calice per un brindisi. E’ stato tenerissimo vestirci uguali, giacca grigia, maglieta, gonna, calze.

(altro…)

Laduree Paris

image

Dopo una settimana intensissima di lavoro comprensiva di trasferta a Milano di due giorni (la mia prima notte lontano dalla mia cucciola) e dopo una giornata da incubo in ufficio andare a lottare nel delirio dei mezzi pubblici in sciopero era l’ultimo dei miei desideri. Esco dall’ufficio, annuso l’aria fredda di Roma e decido di tornare a casa passeggiando per le strade della mia amata città ricche di Natale. Piazza del Popolo, via del Corso, via Frattina e poi un pensiero mi viene in mente… andare da Laduree Paris in via Borgognona. (altro…)

Julia con la J

image

Quando nasce un bambino parenti ed amici iniziano a consigliarti su cosa si deve e non si deve fare. A me hanno consigliato di fare per la mia piccolina la carta d’identità perché molto importante soprattutto se si viaggia spesso.

(altro…)

La notte

image

Il silenzio della notte, i rumori lontani della strada, la pioggia che scende lenta e costante, tutto sembra essersi fermato e, nell’istante esatto in cui pensi che Morfeo stia chiamando anche te, senti una voce, anzi una vocina che fa…ngah, taaaa, mamma… tu fai finta di nulla, pensi che sia solo un sogno però poi percepisci che è tutto troppo reale per essere un sogno ed allora apri un occhio mentre l’altro rimane incollato e non riesce a muoversi e solo con un occhio attivo ti alzi, sbatti addosso al comodino, cammini scalza ed arrivi, senza neanche capire dove realmente stai andando, ad un piccolo lettino da dove sbucano un ciuffo di capelli e due manine protese verso di te. (altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: