DSC_1047

Dopo aver visto da vicino, da molto vicino, le cascate del Niagara non avrei mai pensato di poter rimanere a bocca aperta davanti alle cascate delle Marmore ed invece…

Dopo una settimana di febbre tra i 37 della mattina ed i 39,7 della sera sembra che Julia sia ferma da due giorni sui 36,5. Decidiamo quindi di confermare il nostro weekend umbro prenotato mesi prima. Viaggio in macchina tranquillo, arriviamo a Montefranco dove abbiamo l’hotel ed, ovviamente, JP con la febbre. Ormai non possiamo tornare indietro per non farle fare troppi sbattimenti quindi, nei limiti del dovuto, cerchiamo di trascorrere le due giornate. Pomeriggio a Spoleto, vicoletti molto carini, veduta dalla rocca molto bella, ma mi sono rimasta un po’ delusa dalla vita locale.

Domenica mattina sveglia presto e tutti pronti per le cascate delle Marmore. E’ la più alta e la più antica cascata del mondo costruita dall’uomo, ovviamente dai romani 😉 Di solito viene aperta per 1h al giorno, ma durante le festività 2h dalle 11.00 alle 13.00. Quindi, h11.00 prontissimi ai piedi della cascata per vedere lo spettacolo. Purtroppo JP ancora non sta bene quindi non possiamo fare il percorso fino in cima perché con il passeggino non è possibile… sarà per la prossima… Il tempo ci assiste, il sole è caldo e quegli schizzi che arrivano ogni tanto fanno anche un po’ di piacere, c’è gente ma non troppa il che ci permette di scattare qualche foto (giusto qualche… tipo 700). Dopo la visita al percorso 4, il belvedere inferiore, decidiamo di salire al percorso 1, il belvedere superiore, e mentre gli altri si avviano verso il percorso avventuroso quello in mezzo al boschetto che costeggia la cascata noi ci avviamo verso la macchina ed arriviamo subito in alto. La vista dal basso è decisamente più emozionante e spettacolare, ma bisogna sempre osservare le cose dai due punti di vista opposti… Per arrivare al belvedere superiore bisogna percorrere 80 scalini prima in discesa e poi in salita ovviamente. JP ancora malata è più attaccata a me del solito (e la cosa mi piace assai devo ammetterlo) quindi li percorro con disinvoltura con lei in braccio, ma giunta all’ultimo scalino del ritorno mi accascio stremata sullo stesso e chiedo al mister la sostituzione… help me, please! Arriva in soccorso il passeggino ed anche se controvoglia ci sale ed andiamo a mangiare in un ristorantino li vicino. Finito il pranzo usciamo e ci avviamo verso il parco giochi perché nel frattempo JP sembra stare meglio, 5 passi contati e ci ferma la Finanza… controllo di routine. Ovvio, mille persone, controlli noi. Fortunatamente ci avevano fatto lo scontrino fiscale quindi no problem ed il finanziere pugliese molto tranquillo e gentile.

Bellissimo posto, bellissima esperienza, bellissima sensazione… ottimo per un weekend romantico o con i nanetti 😉

DSC_0866

DSC_0863

DSC_0861

DSC_0857

DSC_0852

DSC_0847

DSC_0845

DSC_0820

DSC_1048

DSC_1052

DSC_1053

DSC_0945

DSC_0960

DSC_0957

DSC_0969

DSC_0976

DSC_0983

DSC_0987

DSC_1001

DSC_1004

DSC_1006

DSC_1009

DSC_1011

DSC_1015

DSC_1029

DSC_1039

Comments

comments