Il terremoto colpisce di notte

Essere svegliate nel cuore della notte da una sensazione stranissima. L’abbaiare dei cani, forti rumori, allarmi di case, allarmi di auto e quella sensazione di vuoto e di qualcuno che ti prende per le spalle e ti scuote. Pensavo fosse un sogno ed ho tentato di rimanere con gli occhi chiusi, ma qualcosa o qualcuno mi spingeva a svegliarmi. (altro…)

L’era della mamm”A”social

25 anni fa Tim Berners-Lee ha dato vita all’era del web coniando il nome World Wide Web e pubblicando il primo sito al mondo presso il CERN. In questi 25 anni il mondo del web è cambiato notevolmente, ma come è cambiata la mamma in questo periodo? (altro…)

Mi scappa la pipì mammà

Mi scappa la pipì, mi scappa la pipì, mi scappa la pipì papà. Questo tormentone degli anni ’80, che tanto cantavo quando ero piccolina, è tornato di moda a casa nostra ma con una variante, mi scappa la pipì mammà. E così, mentre la notte lotti senza tregua contro la voglia irrefrenabile di uccidere la zanzara che si è accanita sul tuo corpo  tanto da far pensare agli altri che hai una malattia esantematica, ma ti scopri zen senza accorgetene perché tu vuoi dormire, improvvisamente scatti in piedi senza neanche rendertene conto perché senti una vocina che fa… Mi scappa la pipì mammà. (altro…)

Chiusa una porta si apre un portone

Sarà che la notte porta consiglio. Sarà che la notte in questione è la notte di San Lorenzo. Sarà che sono stata con lo sguardo perso cercando le stelle, la mia stella. Sarà che vivo in città e le stelle sono difficili da trovare. Sarà che mi sono guardata attorno e non ho trovato uno specchio per poter parlare con me stessa. Sarà tutto questo e tanto altro ancora, ma io ho deciso di chiudere la porta per aprire il portone. (altro…)

Why Not?

Mai lo stesso locale, sempre la stessa password… Why Not? E così, mentre eravamo in attesa di entrare in un locale romano ci atteggiavamo a fighetti di Manhattan che per accedere alle feste giuste hanno bisogno di un codice segreto che solo in pochi possono avere. Ricordo ancora la sorpresa che ho provato quando a New York un taxi ci ha lasciato in una street anonima, senza insegne luminose, e noi abbiamo bussato ad una porta nera di quelle degli scantinati. (altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: