ElfiBabbo Natale, si sa, vive in Lapponia però viaggia volentieri per incontrare i suoi piccoli amici. Quest’anno per la prima volta è approdato al Castello di Lunghezza dove dal 13 Novembre al 27 Dicembre è possibile incontrarlo insieme ai suoi piccoli aiutanti. I biglietti si possono acquistare online o direttamente in loco. Il vantaggio dell’acquisto online è la certezza di trovare posto mentre il vantaggio dell’acquisto direttamente al castello è il risparmio di qualche euro. Il costo, in effetti, è un pochino elevato € 12.00 per gli adulti e € 11.00 per i bimbi fino a 11 anni con un costo aggiuntivo a biglietto di € 1.50 per l’acquisto dal sito. La visita alla Casa di Babbo Natale dura un’ora e mezzo circa. L’entrata per la visita è ad orari prestabiliti e a numero chiuso. Orari di ingresso: ogni 30 minuti a partire dalle ore 9.00 e ultimo ingresso ore 19.00. Arrivati a Lunghezza si parcheggia esternamente al castello a pagamento (€ 4.00). Questa la parte più brutta perché si deve attraversare in curva una strada abbastanza pericolosa e poi si deve camminare su un bordo inesistente con passeggini e bambini eccitati che vorrebbero scappare ovunque e le auto che passano ad una distanza di centimetri su una strada a scorrimento abbastanza veloce. Fortunatamente la coda alla biglietteria non era lunghissima (era più lunga quella dei biglietti acquistati online) e siamo riusciti ad entrare alle ore 9.00. I passeggini si lasciano all’uscita del castello perché si devono salire delle scale antiche strette e non così agevoli. Una “babbo natalina” ci accompagna lungo il tour. Nella prima sala, con tanti tavolini e sedioline, carta e pennarelli,  incontriamo le “letterine” che aiutano i bambini a scrivere la famosa letterina a Babbo Natale. Si prosegue salendo, nuovamente, la scala d’ingresso e si accede nella stanza della regina dei ghiacci tra orsi polari ed igloo. Da questa si passa alla sala degli elfi, decisamente più calda ed allegra, dove i piccoli elfi ricevono le letterine dei bambini e le spediscono poggiandole su un nastro che termina dentro una grande botte. Dopo qualche foto di rito, viene rilasciato un attestato di spedizione della letterina. Salutati gli elfi si accede alla stanza di Babbo Natale con il grande letto ricco di cuscini e lo scrittoio dove di solito legge le lettere dei bimbi ed organizza i suoi viaggi per la consegna dei regali. Ultima stanza è quella più magica dove si può incontrare il vero Babbo Natale e si possono scattare delle foto con lui per un ricordo che durerà nel tempo. Andando verso l’uscita si può ammirare un grande camino sulla sinistra dove si possono scattare delle belle foto. Si passa poi attraverso un patio dove è stata allestita una parte di polo nord per riaccedere all’interno del castello e scendere nuovamente la scala d’entrata dirigendosi verso l’uscita. Prima di uscire totalmente, a metà scalinata sulla destra, si accede attraverso un corridoio stretto ad una sala dove i bimbi possono dare libero sfogo alla fantasia modellando della colorata pasta di sale per creare dei fantastici lecca lecca. Terminato il tour si può ammirare il giardino esterno, soprattutto in presenza di una bella giornata di sole, dove vengono allestiti ad orari stabiliti spettacoli di intrattenimento. All’interno del parco è presente anche un’area pic nic dove poter mangiare un panino veloce tra uno spetaccolo e l’altro. Sicuramente un posto magico dove portare i bambini, ma non tornerei una seconda volta perché il rapporto tour/prezzo non ne vale tanto la pena. Il tour è abbastanza veloce e la sala più bella e coinvolgente per i bambini è quella degli elfi con l’emozionante spedizione della letterina. Vorrà dire che la prossima volta saremo noi ad andare a trovare Babbo Natale in Lapponia.

 

DSC_0071  IMG_6654

IMG_6655

IMG_6657

Babbo Natale

IMG_6668

Comments

comments