Donatella Broccardo

Tutto è nato per gioco, per la voglia di raccontarmi a qualcuno e di lasciare un ricordo indelebile a mia figlia. Si, internet è come un tatuaggio che non potrai più eliminare dalla tua vita. Nel momento di euforia con l’adrenalina a palla fai di tutto, scrivi di tutto ed il momento dopo vieni risucchiato in un vortice dove solo i più forti ne escono illesi. Bene, di internet ed in internet ho conosciuto il peggio ed il meglio e sono arrivata ad una conclusione.

Il peggio lo lascio agli invidiosi perché, in fondo, altro non hanno che deridere e denigrare gli altri e la loro vita mediocre si regge su queste cose e di queste cose si nutre. Come chi mise il mio numero di telefono in una chat di incontri strani e sapete perché lo ha fatto? Perché ha ricevuto un bel 2 di pikke! si, un mezzo uomo che ancora starà rosicando. E voglio parlare di quella ex compagna del liceo che mi taggò in una foto nella quale la luce della discoteca aveva fatto sembrare bianche le mie calze color carne prendendomi in giro per questa cosa e sapete perché lo ha fatto? Perché ad altro non si poteva attaccare, perché forse voleva stare lei dentro quelle calze e vivere la mia vita. E tante altre ne potrei raccontare che, nel momento in cui le vivo, mi fanno infuriare ma che poi mi fanno ridere a crepapelle.

Il meglio me lo prendo e me lo tengo stretto. Come tutte le persone che ho avuto il piacere di conoscere e che mi rallegrano la giornata con un pensiero, una bella foto, un aiuto, una collaborazione o un’intervista. Bene, ringrazio Silvia che mi ha ospitato nel suo bellissimo blog www.scintilledigioia.blogspot.it con questa intervista inserita nella sua rubrica settimanale “Il significato di essere mamma”.

Bene, questa mia prima “intervista” è stata assolutamente perfetta grazie anche alla gentilezza di Silvia. Care mammine, non siate timide e se avete piacere di raccontare la vostra personale esperienza contattate Silvia tramite il suo blog o scrivetemi e vi metterò in contatto con lei.

Comments

comments