E’ da novembre che in internet leggo commenti vari, molto cattivi (diciamolo), nei confronti di Gilmore Girls cioè la serie TV Una mamma per amica per dirla all’italiana. Ma perché? Cosa ha sbagliato la Palladino in queste ultime 4 puntate? Secondo me non molto, per lo meno non tutto, ma qualcosa ha sbagliato. Vediamo cosa…

In queste 4 puntate (4 come le stagioni dell’anno partendo dall’inverno), soprattutto nelle ultime 2, sembra di assistere ad un musical. Introdurre delle scene con musica e balli può essere un’idea vincente, ma assistere a tutte le prove dello spettacolo della piccola cittadina di Stars Hallow è decisamente troppo. Le puntate potevano durare 10 minuti in meno, ma essere meno noiose. Il finale, criticato nel vero termine di finale in quanto non è una vera chiusura, secondo me è stato studiato ad arte per lasciare le porte aperte ad una nuova serie. Del finale, personalmente, non ho apprezzato le scene da musical (avrò un problema io con i musical, mi viene da pensare) come cornice all’Evento che, tutte noi fan della serie, stiamo aspettando più o meno dalla prima puntata della prima stagione.

La storia, nel complesso, è abbastanza in linea con le stagioni precedenti. Non ho trovato particolari anomalie, ma non aggiungo altro per non fare spoiler a chi ancora non ha visto queste nuove puntate. E i personaggi? Anche loro sono stati stracriticati, sia quelli principali sia quelli secondari. Il bello che le critiche non sono solo sulle scelte che hanno fatto, ma anche sull’aspetto fisico. Beh, che volete! Gli anni passano per tutti (tranne che per Emily) e se qualcuno vuole aiutarsi in qualche modo, che lo faccia. La cosa importante è non esagerare, come non bisogna esagerare nelle critiche. Giudichiamo gli altri quando poi siamo i primi a farlo o a volerlo fare. E quella è ingrassata, quella è dimagrita, quella è piena di rughe, quella ha tolto le rughe. MA BASTA!

Considerare Rory un’immatura è un’esagerazione.

Vorrei sapere quante persone avevano delle aspettative che poi, per un motivo o per un altro, sono rimaste delle mere aspettative, anzi dei sogni chiusi in qualche cassetto del passato. Io ero stra-con-vin-tis-si-ma (ripetete con me…stra-con-vin-tis-si-ma) di festeggiare i 30 anni sposata, con un marito famoso (per meriti lavorativi), mamma di due bambini, con una bellissima casa e una bella carriera. Inutile dire che la realtà è un tantino diversa. Forse, proprio per questo motivo, non mi sento di mettere Rory sul patibolo ed additarla come una bambina egoista. I suoi tentativi di cercare un lavoro in linea con le sue skills sono stati i miei tentativi e le sue porte in faccia sono state le mie porte in faccia. E poi, alzi la mano, chi non ha avuto un amore sbagliato. Ecco, lo sapevo! Ok, fa soffrire un bravo ragazzo, ma è anche lei a soffrire tanto a causa di un altro ragazzo. Succede sempre così… piaci a quello che non ti piace e ti piace quello a cui non piaci… MA PERCHE’????

Quando giocavo a pallavolo, avevo una compagna di squadra a cui piaceva una persona che, però, non la considerava molto. Lei lo cercava, gli mandava messaggi, aspettava per giorni una sua risposta che non arrivava e, quando vedeva che passava tropo tempo, insisteva nuovamente (una stalker del passato ora che ci penso). Se solo lo spogliatoio potesse parlare. Come è andata a finire? Si sono sposati ed hanno avuto due bambini… ha vinto lei e la sua tenacia. Ok, queste cose accadono solo nelle favole e alla mia ex compagna di squadra, ma perché Rory non deve tentare di riconquistare il suo amore? L’unico che le fa battere il cuore e che lei cerca tutte le volte che si trova in difficoltà.

Lorelai, dopo anni di amori sbagliati, ha finalmente trovato la sua anima gemella in Luke.

Tutto poteva andare bene? No, il lieto fine non piace nemmeno alla finzione. Un grave lutto l’ha colpita e la perdita del padre non può che destabilizzarla. Il rapporto con la madre è lo stesso di sempre, vicine non possono stare ma lontane neanche. Mmmm, un po’ come il rapporto della maggior parte delle mamme e figlie che possiamo conoscere. A causa di tutte le vicissitudini che è costretta a vivere decide di scappare ancora una volta, come è nella sua natura. Con un grande zaino in spalla va alla ricerca di stessa. Quante di voi hanno pensato, almeno una volta, di abbandonare tutto e tutti e andare su un’isola deserta dove non poter essere raggiunta da nessuno? Io l’ho pensato e continuerò a farlo. Chissà, magari tra un po’ leggerete un mio post di un viaggio attorno al mondo in solitaria…

Emily affronta con estrema dignità la separazione dal marito.

L’amore di una vita, il compagno di risate e discussioni, il padre ideale, l’amico perfetto. E’ lei il personaggio, sicuramente, che ne esce meglio. Lei che riesce a mantenere la lucidità in un momento buio della sua vita, forse il più buio. Lei che piange la separazione del marito senza poter contare sull’appoggio della figlia. Lei che, nonostante tutto, mi strappa sempre un sorriso.

Guardare queste 4 puntate non è così O MIO DIO COSA HANNO FATTO, COME SI SONO PERMESSI DI ROVINARE UNA SERIE TV TANTO AMATA come ho letto in internet. Guardare questa serie mi ha fatto fare un tuffo nel passato con la consapevolezza che nulla è così magico come ci vogliono far credere. Il problema è che siamo delle sognatrici, nel web cerchiamo le immagini di case e cibi tanto Pinterest e non ci piace guardare in faccia la realtà. Con questa nuova serie la Palladino non ha fatto altro che affrontare temi attuali facendo risaltare i veri sentimenti dei personaggi. Ed è bello vedere che i personaggi chiave sono 3 donne perché mi piace pensare che il 2017 ha come motto GIRL POWER.

una mamma per amica

Fatemi sapere se, questa nuova serie, vi è piaciuta o meno.

Comments

comments